I RICORDI DELLA NONNA

Tutti i lavori presentati in queste pagine, sono stati eseguiti personalmente. Ho preso spunto da diverse riviste, da altri siti o blog, per cui, chiunque vantasse dei diritti, può contattarmi, potrò così nominarlo nel mio blog. Grazie!

Benvenuti

domenica 22 luglio 2012

Piccola storia dell'uncinetto


L'arte dell'uncinetto un po' di storia

Sulle origini della tecnica di lavoro all'uncinetto ben poco è noto. Si suppone che i primi lavori di questo tipo siano stati fatti con la mano, o meglio con un dito, che veniva piegato per creare i cappi e riprendere i punti. Solo con il passare del tempo si iniziò a sviluppare uno strumento simile all'uncinetto, realizzato inizialmente in legno, osso o bambù e poi in avorio e ambra.
Il reperto più antico che può essere considerato un precursore dei lavori all'uncinetto proviene dal lontano Jutland: si tratta di una sorta di berretto di lana, che secondo gli scienziati risale all'incirca a 3100 anni fa. Anche in altri luoghi le tecniche dell'uncinetto non erano sconosciute. Da documenti provenienti dal Sudamerica risulta per esempio che in alcune tribù primitive venivano utilizzati capi di abbigliamento o protezioni per il corpo all'uncinetto in occasione dei riti di iniziazione alla pubertà.
Mary Thomas, una studiosa americana, ritiene che le tecniche dell'uncinetto provengano originariamente dalla penisola araba, dalla quale si sarebbero diffuse verso oriente in Tibet e verso occidente in Spagna. Grazie ai mercanti ed ai navigatori, tali tecniche si diffusero poi anche in altri parti del mondo. Dal XIII al XIX secolo il lavoro all'uncinetto era considerata un'occupazione tipica delle monache. Nei monasteri la biancheria per l'altare e per la casa veniva munita di semplici bordure all'uncinetto, non solo a fini decorativi, bensì essenzialmente per renderla più resistente. L'arte dell'uncinetto si iniziò ad apprezzare solo molto tardi negli ambienti borghesi e nobili. La moda del periodo Biedermeier con le ruches e gli accessori in pizzo, le tovaglie decorative e le decorazioni per asciugamani è inimmaginabile senza i pizzi all'uncinetto. All'inizio questa tecnica di lavoro manuale non era considerata un genere di per sè, bensì come un mezzo per imitare difficili punti del ricamo. Tramite questa tecnica si lavoravano righe di punti catenella fissate sulla stoffa che imitavano i punti catenella del ricamo. Tali righe venivano lavorate fittamente le une accanto alle altre secondo diversi motivi ed imitavano in maniera sorprendente i ricami la cui realizzazione richiedeva molto più tempo e lavoro. I maestri in questo campo erano gli irlandesi, che in questo modo imitavano i preziosi pizzi veneziani. Su questa base in Irlanda si sviluppò una vera e propria industria manifatturiera, che dopo la carestia del 1848 costituiva l'unico supporto economico del poverissimo paese. Lentamente andò sviluppandosi questo pizzo all'uncinetto che imitava il pizzo ad ago, che prese il nome di "pizzo d'Irlanda". Esso si compone di motivi fantasiosi di fiori e foglie, di anelli, roselline o figure a stella, che vengono collegati tra di loro tramite il punto di fondo. Le tendenze più attuali nel settore dell'uncinetto sono caratterizzate dalla realizzazione di lavori creativi senza un disegno di base. In tal modo il lavoro all'uncinetto è sulla buona strada per diventare una forma d'arte a tutti gli effetti.



Piccola storia tratta dalla rivista "Motivi all'uncinetto" della serie Burda collection.

3 commenti:

  1. ciao eccomi qui arrivata da facebook devo farti i complimenti ho fatto un piccolo giro e sei davvero brava ho un blog ti aspetto www.gomitoloni.blogspot.it a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, vengo subito a ricambiar la visita!

      Elimina
  2. Ciao, ho visto per la prima volta questo blog qualche giorno e volevo farti i miei complimenti! Anch'io ho un blog sul crochet's, aperto da pochi giorni, se vuoi puoi farmi una visita e dirmi cosa ne pensi dell'impostazione! Ti aspetto su https://crochetsblog.wordpress.com/ Monia

    RispondiElimina

Grazie per essere venuta a trovarmi, se ti fa piacere lascia un commento. A presto!